Corriere della sera – Ueco, dal valzer a Mozart

CONSERVATORIO i Si inaugura la stagione della milanese United Europe Chamber Orchestra
Grandi solisti e 18 appuntamenti per il quinto anno di concerti

Nel panorama delle istituzioni milanesi, c’è una caratteristica che rende unica la United Europe Chamber Orchestra: avere «solisti ospiti residenti». Per cinque volte, ad esempio, si esibirà al pianoforte Massimo Palumbo, che è anche fondatore e direttore principale dell’orchestra; e altrettante saranno le occasioni per ascoltare il suono fresco e brillante di Suela Mullaj, la giovane albanese che dellaUeco è anche violino di spalla; tre saranno invece le presenze del violoncellista Gabriel Wernly. Se a questi nomi si aggiungono il chitarrista Emanuele Segre o l’oboìsta Francesco Quaranta, si sarebbe tentati dì leggere la stagione come una sorta di galleria di grandi solisti. Ma non ci sono soltanto loro. C’è innanzitutto un’orchestra che, pur recente (è stata fondata nel 2000 con giovani strumentisti di tutta Europa), sta acquisendo una personalità sempre più convincente. E c’è un programma dove trovano
spazio  il barocco e il classicismo, un filone di musica sacra e tanto Mozart: 18 concerti, da stasera. 11 primo mette a tema il ballo, illustrato nella sua ver-sione raffinata, i valzer e le polke di Strauss, e folklorica, con le danze ungheresi di Brahms, slave di Dvorak e polovesiane di Borodin; sfizioso il finale, con le «Pomp and Circu-mstances» di Elgar, tante volte colonna sonora di film. Il 10 novembre concerto con l’integrale delle Suite per orche-stra di Bach, il 24 è «a tema» la gastronomia, affrontata da Telemann, Bach e Rossini. Notevoli i concerti di Natale (22 di-cembre), con cori da Bach e dal Messiah di Hlindel, di Pasqua (2 aprile), con estratti dalle pas-sioni bachiane e il Requiem di Cherubini. 1126 giugno chiuderà la stagione col Requiem e la Kreinugmesse di Mozart.

Corriere della sera

17

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *